LA PROSSEMICA DELLA CONVIVENZA

Vi sarà sicuramente capitato di osservare quelle persone che si muovono per strada incuranti dei pericoli, come se ci fossero solo loro per strada. A volte viene fatto in assoluta distrazione, altre volte con atteggiamenti di sfida. Viene da domandarsi perché una persona metta a rischio la propria incolumità in modo così inspiegabile. Con quale logica riusciamo a comprendere questi comportamenti? Proviamo a partire da lontano.

Nel corso della nostra vita costruiamo nella nostra mente l’immagine di ciò che pensiamo di essere. La “percezione di sé” è proprio quel fenomeno che ci permette di costruire questa idea-immagine. Di conseguenza, ci muoviamo e ci regoliamo nello spazio e nel tempo in base proprio in base a questa idea di noi stessi che abbiamo inconsapevolmente costruito. Ma noi non viviamo soli e dividiamo lo spazio assieme agli altri

La prossemica, cioè la disciplina che ha studiato il comportamento delle persone nello spazio,  ha definito alcune osservazioni sulle regole che usiamo per tenere le giuste distanze rispetto agli altri. La “bolla prossemica” è quella invisibile distanza che riteniamo ottimale rispetto alle altre persone: più siamo in confidenza con gli altri, minore sarà la distanza che reputiamo adatta.

Una probabile estensione della bolla prossemica è la percezione dello “spazio pubblico“, ovvero quello spazio che è nostro ma anche di altri. È facile intuire che il valore (e il rispetto) dello spazio pubblico denota la maturità della nostra personalità: siamo noi che apparteniamo allo spazio pubblico e non viceversa.

Chi ha una bolla prossemica sociale chiusa, blindata e poco empatica, non percepisce più la comunanza dello spazio: questo viene vissuto solo in funzione dei propri bisogni. Qualche esempio?

  • Bisogno di defecare, gettando rifiuti di sé nello spazio pubblico, dalle cicche ai frigoriferi
  • Bisogno di autoaffermazione, imbrattando i muri con bombolette spry con tag perché si ha una personalità piccola piccola
  • Bisogno di violazione delle regole, parcheggiando l’auto sulle strisce, negli spazi riservati ai disabili, in seconda fila, non pagando il biglietto sui mezzi pubblici e altro ancora
  • Bisogno di essere incuranti dei pericoli, attraversando senza guardare, al cellulare o semplicemente non guardando, guidando in bici di notte, vestiti di scuro, senza luci o casacche catarifrangenti o andando in gruppo in due o tre file, a venti all’ora, in strade tortuose

La nostra epoca, in cui facciamo fatica a “sentire” i nostri limiti, non ci aiuta e la prossemica pubblica ne risente. Salvo poi lamentarci che “gli altri” non la rispettano.

 

 

Annunci

TURISTIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

Non so se voi ci siete stati. Io sono andato a Venezia un paio di volte. Nel tratto dalla stazione ferroviaria a piazza San Marco mi è sembrato di essere nei corridoi della metropolitana all’ora di punta. La folla ha un suo movimento, una sua cadenza. Ma, soprattutto, non ci si può guardare intorno. Si viene sospinti inevitabilmente e badiamo a non urtarci con gli altri. Venezia, poi, negli ultimi anni è diventata, in sostanza, un parco tematico. La gente scende dai treni o

dalle navi da crociera alte il doppio della basilica di San Marco e brulica per le calli. L’effetto collaterale di questo fenomeno è stato che gli abitanti di Venezia sono migrati a Mestre o si sono sparpagliati per le isole minori della laguna, quelle fuori dagli itinerari della massa turistica.

Venezia è un caso limite, ma possiamo verificare lo stesso fenomeno in città come Firenze o Roma, in piccoli centri come Gradara o San Marino, o piccolissimi come Civita di Bagnoregio o Calcata che ho visitato di recente. Tutti questi centri storici sono stati progressivamente interessati da un fenomeno che chiamerei di turistizzazione. In pratica, quando un centro storico comincia a diventare meta del turismo  – quel turismo globalizzato per cui qualcuno parte da Haifa in Israele ed arriva a Scicli in Sicilia per vedere l’ufficio di quel Montalbano delle fiction televisive –  lentamente si compie un processo di adeguamento sociale che mira a generare guadagni da questa massa di persone: quindi, ai tradizionali negozi si sostituiscono, gelaterie, fast food, piadinerie, souvenir, cambiavalute, bancarelle varie, oltre che ristoranti, osterie e wine bar. Non finisce qui. Come accenna prima per Venezia, gli abitanti storici della zona vengono progressivamente centrifugati per fare posto ad altri. A Roma, il famoso quartiere di Trastevere ha visto la sostituzione delle proprietà e degli abitanti.

Esiste il rovescio della medaglia, soprattutto per i piccoli centri che vengono travolti dal peso del turismo in termini di risorse: serve più acqua, più pulizia, più sicurezza, più strutture sanitarie, più accoglienza alberghiera. L’economia si trasforma per far fronte a questa massa di persone che viene a “godere” di quella che era la nostra casa.

Chiedersi se tutto ciò sia un bene o un male è una domanda retorica. Il fenomeno è ormai consolidato e la globalizzazione  – soprattutto per quanto riguarda la facilità e economicità degli spostamenti –  sembra un fenomeno crescente. Crescente e, probabilmente, irreversibile. Non riesco a ricordare un solo caso di un luogo che abbia rinunciato al turismo per tornare ad un’economia locale. Forse solo una catastrofe potrebbe rallentare o fermare questo fenomeno.

Esiste, infine, una discreta quantità di persone che sono insofferenti alle folle e che, per potersi godere uno spicchio di solitudine (specie se provenienti da una metropoli) vanno in cerca di luoghi con poca gente, generando fatalmente la turistizzazione della pampas argentina, del Polo Nord e forse un giorno della Luna.

 

LE NOTIZIE AL BAR DIGITALE

È stata approvata in un primo passaggio la famigerata normativa europea sul copyright: questa notizia , analizzata anche dal sito valigiablu.it, non potrei linkarvela perché vìola questa norma. Ci vorranno degli altri passaggi da affrontare in sede di Unione Europea e poi i singoli Stati dovranno ratificarla. Molte polemiche sta suscitando e anche qui proviamo ad aggiungere un altro punto di vista.

Le informazioni e le notizie, da sempre, sono il terreno su cui si cimentano governi, dittature, agenzie di sicurezza, spin doctor, ma soprattutto giornali, radio, televisioni. Negli ultimi dieci anni è cresciuto molto il mondo dell’informazione nel web. Gli ipertesti, che permettono di inserire in una pagina foto, video e link, hanno reso capillare la possibilità di informare le popolazioni. Ma anche sono il terreno su cui si cimentano imprenditori, gruppi di potere con aziende editoriali, network televisivi che vogliono fare guadagni. L’Informazione è diventata merce e strumento di pressione della propaganda.

Noi cittadini stiamo in mezzo, usati e spremuti, perché da un lato c’è chi vuole usare le informazioni per farci acquisire una certa idea della realtà, dall’altro c’è chi ci chiede in cambio quanti più soldi possibile per queste informazioni. Entrambe delle intenzioni lecite, ma… C’è un “ma”. In tantissimi, da tutti i pulpiti, ci ripetono in continuazione che le democrazie hanno bisogno di una buona informazione perché possano rimanere efficienti e valide. Quindi molti prendono per buono l’adagio secondo cui “l’informazione è un diritto”. Con questa ultima normativa europea, l’Informazione diventa a tutti gli effetti una merce. Se si volesse applicare alla lettera questa normativa l’Europa vivrebbe un impoverimento della consapevolezza dei cittadini dell’Unione.

Ora a me è venuta in mente una similitudine. Si sa che nei bar i gestori, come servizio alla clientela, comprano dei quotidiani perché i clienti li possano leggere (e consumare qualcosa). Quei giornali consentono a molte persone di informarsi ed aumentare la propria consapevolezza. Provate ad immaginare se giornalisti e giornalai facessero approvare una legge che vieta ai bar di lasciare a disposizione i quotidiani. Venderebbero più copie? I clienti del bar correrebbero alla prima edicola a comprare il giornale per poterlo leggere al tavolino del caffè, magari evitando di far sbirciare il vicino per non beccarsi una multa? Quasi sicuramente no. Avremmo più gente informata? Sicuramente no.

Forse i nostri politici dovrebbero, al contrario, ideare nuove forme di sostegno all’informazione perché i cittadini siano sempre sufficientemente informati e non chiudere i rubinetti con la scusa del copyright. O forse vogliono proprio questo?

URLA DI GUERRA E MILITANZA DI GENERE

La paura. Un’emozione che, assieme al dolore, sono tra le fondamentali reazioni per la sopravvivenza degli esseri umani. Scappare perché si ha paura può essere la salvezza. Ma anche immobilizzarsi perché si ha paura può esserlo.

Il ricordo di un dolore o la prospettiva di un dolore è ciò che ci incute paura davanti a una minaccia e, quando ci sentiamo minacciati, abbiamo due forti reazioni: fuggire o aggredire, magari urlando. Proprio urlando perché  – si sa –  urlare infonde coraggio, ma anche perché urlare può spaventare chi ci aggredisce. Magari questi si ferma proprio perché ci sente urlare.

Però c’è un problema. Se si comincia ad avere paura di sentirsi minacciati (previsione di dolore) possiamo vivere in uno stato di paura inconsapevole, di ansia. Il rischio, permanendo in questo stato di attesa della minaccia, è di cominciare a diventare aggressivi nei confronti di qualsiasi comportamento ci possa apparire come una minaccia potenziale. Si diventa aggressivi (e urlanti) a prescindere dalle situazioni, anche se non c’è nulla che effettivamente ci minacci.

In questo stato di permanente e inconscia attesa della minaccia  – inconsapevolmente terrorizzati –  possiamo cadere in errore e scambiare il dissenso di altri con una minaccia, per cui possiamo essere indotti ad aggredire preventivamente, magari ricorrendo ad un urlo: ad un urlo di guerra.

Cosa può accadere se diventiamo aggressivi in assenza di una minaccia? Può accadere, tra le varie cose, che le persone intorno a noi potrebbero non capire perché li aggrediamo e diventare diffidenti nei nostri confronti. Ma noi, notando questo cambio di atteggiamento nei nostri confronti, potremmo viverlo anche come qualcosa di minaccioso, per cui potremmo aumentare l’aggressività, per intensità e frequenza. Lungo questa escalation, ci troveremo ad avere intorno solo persone che, sottomesse, non osano contraddirci. Così non avremo più modo di notare l’incongruenza del comportamento e ci sentiremo sempre nel giusto. Soprattutto, non capiremo più perché delle altre persone cominciano ad aggredirci (perché non ne comprendiamo il motivo). Ma un’altro effetto collaterale è che coloro che ci sono ostili avranno meno remore a trattarci male.

A questo ragionamento è possibile fare tre postille. La prima è che se si vive una condizione di paura generalizzata, se si vive il proprio ambiente come minaccioso, abbiamo un’alternativa al comportamento aggressivo ovvero stringere alleanze.

La seconda è che avere qualcuno con cui condividere la sensazione di paura permette di lenire questa sensazione e, soprattutto, di verificare se possano esserci reazioni diverse nella stessa situazione che stiamo vivendo e che ci terrorizza.

La terza è che quando ci troviamo in un confronto/trattativa può essere determinante trovare dei canali di dialogo con parti dello schieramento antagonista perché l’empatia con le altre persone aiuta. Si può trovare un punto comune da cui ognuno può vivere la propria peculiare condizione senza perdere identità e dignità. In questo modo diventa possibile trovare una soluzione ad un problema dell’altra parte pur mantenendo il proprio punto di vista. I termini collaborazione e compromesso sono gli effetti di questo atteggiamento alternativo al binomio paura/contrapposizione.

Questo mio ragionamento “teorico” ha avuto, naturalmente, una genesi dovuta ad un fatto reale che mi è accaduto. Proverò a raccontarlo in modo sintetico.

Ho scritto tempo fa un articolo sul tema della comunicazione che alcuni psicologi fanno sui social, citando due episodi a me capitati. Il terreno su cui interveniva l’articolo era una proposta di legge in Spagna sul perseguimento penale degli stupratori. A questo articolo sono seguite delle “alzate di scudi” che non vertevano sull’argomento dell’articolo ma sulla dinamica uomo-donna in riferimento alle violenze sessuali. È stata talmente forte l’incoerenza delle contestazioni che ho cominciato a chiedermi il perché di tanta veemenza. Ho chiesto a molte donne di leggere quell’articolo e, alla fine, una è riuscita a darmi la chiave di lettura che mi ha permesso di capire. Infatti, mi ha scritto: “molte donne pensano di essere in uno stato di guerra, di dover combattere una battaglia – me compresa – perché questo è il momento di combattere e cambiare le cose. Questa convinzione ci induce, anzi ci obbliga in un certo senso, a non ammettere né giustificare nessun tipo di commento che vada contro quello per cui stiamo combattendo (…) l’appartenenza di genere è risultata più saliente rispetto a quella di psicologa (…) In un momento così delicato ogni cosa diventa una minaccia, anche quando proviene dagli amici. Ci sarà un tempo per le sfumature, per ridimensionare le reazioni, per ascoltare e parlare, ma ora no, non c’è spazio per questo: le donne devono dimostrare di non essere inferiori, di avere dei diritti. Forse non capiscono che reagendo in questo modo non fanno altro che dimostrare di avere paura. Un dubbio ora non è accettabile. Dobbiamo essere spietate, anche con noi stesse. Anche a costo di rinunciare ad essere psicologhe“.

A lei, naturalmente, va il mio ringraziamento perché ha ragionato con me, senza invettive e senza rabbia.

IL VIDEOGIOCO DEI TITOLI DI GIORNALE

Senza andare troppo indietro nel tempo, sempre dagli Stati Uniti. 2 novembre 2017, sparatoria in un supermercato a Denver: tre morti. 18 febbraio 2018, sparatoria in una scuola in Florida: 17 morti e 14 feriti. 20 marzo 2018, sparatoria in una scuola in Maryland: 1 morto e due feriti. 3 luglio 2018, sparatoria in una scuola elementare a Kansas City: 2 feriti. 26 agosto 2018, sparatoria in un centro commerciale: 4 morti e 11 feriti. In questo caso l’articolo cita espressamente cosa stava accadendo durante la sparatoria, ovvero un torneo di videogiochi. Bingo!

Esiste una tendenza scorretta da parte di buona parte del giornalismo italiano a proporre al pubblico  – implicitamente o esplicitamente –  la presunta relazione tra videogiochi e violenza, secondo lo stereotipo più consolidato, come evidenzia il titolo dell’Huffington Post che, se fosse stato scritto correttamente, sarebbe diventato: “Sparatoria in Florida in un centro commerciale”.

Appare evidente che la causa di queste sparatorie è innegabilmente la facilità di reperimento delle armi, non la frustrazione: il mondo è pieno di gente che viene frustrata dai fallimenti e non ci risulta questa ondata di omicidi. Parimenti, se fosse la frustrazione per partite e tornei di videogiochi a generare la violenza omicida, avremmo milioni di omicidi ogni giorno. Infine, viste le notizie proposte, potremmo pensare anche che, dato che molte sparatorie avvengono nelle scuole e nei centri commerciali, siano proprio questi ad essere la causa scatenante dei comportamenti omicidi. Ma siamo seri!

Il problema (negli Stati Uniti) è la presenza delle armi e una cultura da Far West che giustifica e incoraggia il possesso e l’uso delle armi. In Italia, invece, il problema è la scarsa qualità di certo giornalismo che insegue la paura del pubblico, che soffia sul fuoco consolidando gli stereotipi che finge di condannare.

Ma il problema sono i videogiochi.

LO PSICOLOGO SENZA DISSENSO

Due episodi recenti, strettamente collegati, mi hanno fatto sorgere il dubbio che i social stiano sfuggendo di mano agli psicologi. Protagoniste sono due psicoterapeute. Ve li racconto.

Il tutto nasce da un articolo dal titolo: “La Spagna introduce legge sul consenso esplicito: se l’altro non dice “si” è stupro”. La prima psicoterapeuta posta sulla propria bacheca Facebook (n.b. aperta ai commenti) l’articolo ed io, perplesso, commento con un semplice “bah”. Mi arriva via messaggio la richiesta della collega di rimuovere il mio commento. L’ho invitata a farlo lei, cosa regolarmente avvenuta. La seconda psicoterapeuta, invece, a commento delle probabili reazioni che qualcuno deve aver manifestato alla notizia, così commenta; “Mi spiace, dolci e amati maschioni, che la legge spagnola sullo stupro non vi garbi. Sapete, secoli e secoli di abusi, stupri, discriminazioni e violenze ci hanno costrette a tralasciare quelle sfumature di romanticismo che tanto rimpiangete e a cui siete notoriamente interessati. D’altronde sono sicura che, come riuscite a tenere il pisello alzato in situazioni francamente improponibili a livello di eccitazione sessuale, ce la farete anche questa volta. Forza guerrieri, vi sono vicina [NdR. aggiunge un emoticon-cuore] “.

Pur intuendo la delicatezza dell’argomento e comprendendo la reattività che l’argomento può innescare, ribadendo che reputo stupidi gli uomini che aggrediscono le donne, mi ha lasciato molto perplesso il comportamento di queste due colleghe. La prima considerazione è che stare sui social, anche e titolo personale, non fa smettere di essere uno psicologo. A maggior ragione se si usano abitualmente i social per il proprio marketing on line, attraverso siti, pagine Facebook o account su Twitter o Instagram. Ritengo (sarò all’antica) che uno dei primi compiti etici di uno psicologo sia l’inclusione. Uno psicologo che non tollera il dissenso, soprattutto se manifestato in termini civili e educati, come nel primo caso, è probabile che non appaia come qualcuno in grado di comprendere. Poi, come nel secondo caso, la militanza di genere, quella del “noi nel giusto, voi nel male”, crea antagonismi che mirano deliberatamente a escludere, a dividere, perdendo di vista qualsiasi sfumatura o differenza nel comportamento. Inoltre, il linguaggio intriso di sfida e di scherno (con tanto di emoticon-cuore finale), mette di fronte i lettori alla consapevolezza che non può esistere dialogo (quindi collaborazione) con chi si pone in questo modo, aumentando conseguentemente la distanza con chi non aderisce fidelisticamente a quella posizione.

Questi sono solo due episodi tra i tanti che mi inducono a pensare che in molti non abbiano ancora compreso la valenza della comunicazione attraverso i social. Quando capita a dei “colleghi”, rimane un po’ di amaro in bocca perché è facile, poi, essere valutati dal pubblico come una categoria professionale non affidabile.

Naturalmente, posso sbagliare in queste mie valutazioni.

L’ESPERIENZA DELLA “KLIMT EXPERIENCE”

Qualche giorno fa sono andato ad immergermi nella “Klimt experience”, ovvero la mostra multimediale sulle opere di Gustav Klimt. Non conoscevo bene la storia dell’artista e poco conoscevo delle sue opere, soprattutto quelle rilanciate sui media. Sapevo quello che mi aspettava perché avevo già visto l’analoga mostra su Van Gogh.

Questo tipo di mostre possono essere viste comeuna sorta di portale che introduce poi i ragazzi verso i musei nella scoperta delle opere originali. Uno strumento di conoscenza al pari di un catalogo o di una trasmissione televisiva. Non bisogna insomma considerare la performance un’alternativa alle opere originali ma solo una loro amplificazione per quel tipo di pubblico ormai abituato a informarsi soprattutto attraverso immagini“. Peccato che la stragrande maggioranza del pubblico volontario (non quelli che ci sono portati di proposito, come possono esserlo le scolaresche) sia adulto, generalmente sopra i 30 anni e la cosa non meraviglia.

Le mostre come il Klimt Experience sono efficaci quando siamo predisposti all’abbandono, ovvero quando arriviamo già con l’intenzione di farci prendere dal racconto sensoriale costruito dal progettista [Nota a margine: il progettista risulta essere un certo “Stefano Fake”]. Il mix di musica e immagini, con queste ultime proiettate su pareti di grandi dimensioni, ha l’intenzione proprio di farci perdere la normale percezione di noi stessi. L’occhio non riesce a vedere tutto contemporaneamente e si è circondati sia dalle immagini in movimento, sia dalla musica. Le immagini sono delle opere di Klimt, mentre la musica è un po’ un guazzabuglio di generi di musica classica che mirano più alle risonanze emozionali che alla fedeltà storiografica. Infatti, oltre a Mahler e Wagner, contemporanei di Klimt e viventi dello stesso panorama culturale, vengono assemblate anche le note di Mozart che è vissuto un bel po’ prima.

Altro aspetto che devo notare è che, al contrario della mostra su Van Gogh, che permetteva di lasciarsi andare a terra su enormi cuscinoni, questa vedeva tutti irregimentati in sedute da polli in batteria. Il corpo non è libero di lasciarsi andare e l’affollamento della sala non aiuta l’immersività.

Per finire, è stata esilarante la scena che si è proposta nella Sala degli Specchi che nelle intenzioni del progettista doveva essere un ulteriore spazio di immersività e si è ridotto a sala-selfie, con i visitatori che scattavano le immancabili foto ricordo. Sempre a proposito di foto ricordo, è sempre stupefacente notare come ormai non siamo disposti a vivere un’esperienza semplicemente vivendola. Mentre la musica impazzava e le immagini delle opere di Klimt scorrevano, praticamente tutti stavano con i loro smartphone a riprendere e scattare foto. Sostanzialmente erano incapaci di “lasciar andare” l’esperienza per conservarla come semplice ricordo ma diventava irrinunciabile catturarne la traccia per poterla condividere ad altri e poter implicitamente affermare “io faccio, io esisto e lo mostro”.

psicologia, audiovisivi e vita delle persone