VISIT STOCCOLMA

Per chi, come me, ha vissuto gli Anni Settanta, quelli in cui una bella e bionda svedese (Solvi Stubing) impersonava lo stereotipo di ragazza svedese, ma anche gli anni in cui le svedesi erano al top dei desideri dei vitelloni della riviera romagnola, era inevitabile che nella mia mente ci fosse l’eco di questo stereotipo. Ma la Svezia è anche il paese, unitamente alle altre nazioni scandinave, che rappresentavano lo “stato sociale” per eccellenza, quello che vede un prelievo fiscale del 50% ma che ha tutti i servizi efficaci e per tutti. Un paese di doveri ferrei ma di diritti consolidati. Il paese dei premi Nobel e del premier Olaf Palme assassinato, il paese della Volvo e della Ericsson. La Svezia, dunque, era molte cose nella mia mente prima che vi arrivassi. Poi ci sono arrivato e vi racconto le mie impressioni.

Stoccolma è una città nata relativamente tardi, in tardo Medio Evo (1252), e nasce su una serie di isole e promontori in un mare interno. Il nucleo più antico è su un’isoletta (Gamla Stan) ma si è successivamente espansa sulle isole circostanti. Questa conformazione è stata ciò che ha reso più difficile la mia “comprensione” della forma della città. Siamo abituati a città che si sviluppano su un “centro” storico e sulla stratificazione successiva delle aree pi recenti secondo un andamento ad anelli. Stoccolma, invece, è una città-arcipelago, pluricentrica. La manifestazione più eclatante è la compresenza di un centro”commerciale-lavorativo” nella zona della stazione centrale dalle discutibili forme architettoniche. Una zona, impersonata dalla piazza Sergel Torg, che ho trovato francamente brutta nella sua idea stilistica, dalle linee dure tipiche di una certa architettura Anni Settanta e, a detta degli stessi abitanti di Stoccolma, non bella (la chiamano “la piastra”) e poco funzionale.

L’uso dello spazio urbano è una delle prime caratteristiche che mi sono apparse evidenti. Le strade sono larghe e sono larghi i marciapiedi, spesso alberate. Questo impiego dello spazio è quello che ha consentito con facilità la creazione delle piste ciclabili, oltre che la relativa assenza di forti dislivelli. Le biciclette sono largamente impiegate, anche se non si arriva all’uso massiccio di una città come Amsterdam. In comune, invece, con tutti i paesi del profondo nord è la ricerca estrema della luce naturale. Le ampie finestrature di tutti gli edifici lo testimoniano forte. In molte abitazioni le superfici vetrate coprono l’intera parete esterna, alla ricerca della luce.

La luce è anche uno degli aspetti che colpisce chi viene da latitudini più basse, come noi mediterranei. Colpisce che la notte non sia buia nei periodi estivi, ma solo con la luce attenuata. Invece, quando il cielo è plumbeo per le nubi, col tipico cielo invernale dei paesi nordici, si ammanta tutto di una monotonia cromatica. Ma quando il cielo è sgombro dalle nubi il sole dà vita ai luoghi e agli svedesi. Escono i colori e gli abitanti si lanciano all’esterno, che siano i generosi balconi delle loro case o gli spazi comuni. Spazi, questi ultimi, numerosi e soprattutto integri: non una panchina rotta o oltraggiata, non una canonica carta per terra, non un bus o una carrozza di un metrò imbrattato. Anche o tag dei writer sono pochi e visibili andando verso le periferie.

Un altro aspetto che ha risuonato in me è la passione per il mare. Andare in barca è una passione che diventa evidente proprio per la forma arcipelago della città. Se, andando su uno dei barconi in gita, si osservano le varie case, si scorgono in tutte le barche che sono ormeggiate, segno di una familiarità con l’elemento marino che li unisce ai popoli mediterranei.

Il panorama antropologico della capitale svedese è comune a tutte le grandi capitali occidentali, con un multiculturalismo evidente e con gli altrettanto evidenti tentativi di integrazione: soprattutto per quelli che vengono da zone africane o mediorientali: li vedi tra gli operai, tra gli autisti dei bus, nei ristoranti e caffè. Addirittura gli zingari sono più curati di quelli che incontriamo nelle nostre strade. Ritornando, poi, agli stereotipi presenti nella mia mente prima di questa visita a Stoccolma, mi aspettavo di trovare i famosi biondi svedesi in numero preponderante, ma non è stato così. Solo a partire dal pomeriggio del sabato li ho visti abbondanti ed ho concluso che non li avevo visti perché tutti impegnati nei loro lavori.

Particolarmente evidente, invece, a qualsiasi ora e in qualsiasi giorno, l’onnipresenza dei passeggini. Sono dappertutto e con una quasi paritaria divisione tra madri e padri. Assieme ai praticanti di jogging (anche questi a centinaia), i passeggini sono i veri padroni di marciapiedi e bus. Non si vedono bimbi in braccio ma solo qualche marsupio per quelli più piccoli.

Infine, assolutamente fondamentale nel senso di identità di un popolo, gli svedesi sono praticamente bilingui: tutti, ma veramente tutti, parlano l’inglese.

Infine, chiudo queste considerazioni su Stoccolma, con un cortocircuito che nella mia mente hanno fatto due elementi. Il primo è stato il discutibile stile delle tappezzerie e arredamenti di Ikea (simbolo moderno di svedesità) e il secondo è stata la mancanza di bellezza della città, tanto negli elementi architettonici quanto negli arredi urbani o degli interni. Al contrario di Londra che negli anni ha fatto largo usa della creatività degli stranieri, a Stoccolma sembra tutto ciò che è Made in Sweden non spicchi per bellezza, lo testimonia il loro monumentale Municipio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...