DA CANDID CAMERA AI FINTI ESPERIMENTI SOCIALI

E’ di moda negli ultimi mesi usare il video per mostrare il comportamento delle persone. Non è un utilizzo nuovo, naturalmente. Antesignano è stato il programma televisivo statunitense, ripreso in Italia negli anni Settanta da Nanni Loy (titolo: Specchio segreto). Candid camera indica genericamente una forma di registrazione video effettuata con una macchina da presa nascosta. Il meccanismo è alla base di alcuni programmi televisivi costituiti da sketch in cui passanti o personaggi famosi sono messi di fronte a situazioni paradossali allo scopo di registrarne le loro reazioni. In questo caso, dunque, è palese l’intento di intrattenimento: si provocano le persone ignare per spiarne i comportamenti attraverso la ripresa. A conferma della dimensione ludica c’è il fatto che, alla fine, alle persone viene rivelato che sono state riprese e che era un gioco.
Spiare le persone con una telecamera diventa, quindi, un’occasione imperdibile per chi vuole mostrare il comportamento della gente. Ecco che nascono gli “esperimenti sociali candid”, ovvero delle situazioni messe in piedi con l’intento di riprendere i comportamenti delle persone.
Ha avuto una certa risonanza quello realizzato a New York in cui si cerca di mostrare le molestie sessuali verbali che una ragazza deve subire quando cammina per strada. Il titolo del video è “Dieci ore di cammino a New York” ed è una serie di percorso fatti da una ragazza e preceduta da una persona che ha una microcamera indosso. Vengono registrati 108 apprezzamenti in 10 ore di passeggiata: in media poco più di 10 ogni ora, ovvero uno ogni 6 minuti. Il video in questione è stato realizzato da un’associazione che si propone di mostrare la pressione psicologica a cui si trova sottoposta una donna a New York quando cammina per strada. L’imbeccata per i media è appetitosa ed, infatti, molte testate online rilanciano il video del “esperimento”. C’è un problema, però, che nessuno evidenzia perché rovinerebbe l’effetto “notiziabilità”: quanta scientificità c’è nei video di questo tipo? Proviamo ad analizzarlo.
L’ipotesi di ricerca (implicita) è: le ragazze a New York sono sottoposte a molte molestie sessuali verbali. E’ possibile evincere questa ipotesi anche dalla descrizione data dall’associazione Hollaback!, rintracciabile su Facebook, che è promotrice della campagna e del video in questione. Viene specificato, infatti, che “Hollaback! è un movimento internazionale che ha l’obiettivo di mettere fine alle molestie in strada”. Altrettanto esplicito è il concetto di “normalità” che viene auspicato dalla stessa associazione: “Crediamo che tutti noi abbiamo il diritto di sentirci al sicuro e a proprio agio negli spazi pubblici senza essere il bersaglio di discorsi e comportamenti sessisti, omofobici e transfobici o offensivi”. Appare evidente che lo scopo dell’esperimento video è di dimostrare queste tesi.
Se guardate il video potrete notare che i tagli in montaggio sono numerosi e – come sanno tutti quelli che praticano la nobile arte del montaggio – la dimensione che viene manipolata principalmente col montaggio è proprio il tempo. Non a caso Alfred Hitchcock soleva dire che “il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi”. Questo cosa implica ai fini della tesi sostenuta dagli sperimentatori? Implica che la “pressione psicologica” sulla ragazza che cammina non è misurabile. E’ innegabile che vengano fatti degli approcci, ma in quanto tempo? Se le dieci ore di passeggiate sono state registrate in dieci giorni, la suddetta pressione sarà molto diluita; al contrario se è fatta nella stessa giornata, allora sarà molto alta. Per passare ai commenti fatti dagli uomini alla ragazza che cammina, è facile notare come la dimensione “sessista o offensiva” implicita nella tesi degli autori viene anch’essa molto diluita. Non si può certo dire che frasi come “Come stai oggi?”, “Sorridi. Non è giusto”, “Hey, come va, ragazza?” (per citare tra le prime che vengono montate) siano frasi sessiste o offensive. Sicuramente sono frasi dette per approcciare e, altrettanto certamente, alla lunga possono essere faticose da ignorare.
Tirando le somme, il video-esperimento è più empirico che scientifico. Rappresenta dei comportamenti ma non è possibile trarne delle generalizzazioni. Dà delle indicazioni ma non è una fedele rappresentazione della realtà: un modello, più che la vita. E come recita una delle laconiche Leggi di Murphy: “confondere un modello con la realtà sarebbe come andare al ristorante e mangiare il menù”.

L'esperimento di un giornalista, per 10 ore con la kippah a Parigi - Europa - ANSA.it 2015-02-18 10-22-11

vlcsnap-2015-02-22-15h12m06s70

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...